IL GRUPPO FLORIAN CON BANCA FININT HA EMESSO UN MINIBOND DA 10 MILIONI DI EURO

24 Gennaio 2018

Il prestito obbligazionario è stato quotato in Borsa Italiana con tasso 3,8% e scadenza a 6 anni.

Il Gruppo Florian, società leader nella lavorazione e commercializzazione di semilavorati in legno, ha quotato nel segmento ExtraMot Pro di Borsa Italiana il suo primo Minibond per un importo complessivo pari a 10 milioni di euro.

L’operazione, per la quale Banca Finint ha agito come Arranger e collocatore coadiuvata dallo Studio Brunello & Partners in qualità di advisor del Gruppo Florian e dallo studio legale Orrick, Herrington & Sutcliffe che ha svolto il ruolo di legal advisor dell’operazione, ha ottenuto un interesse da parte del mercato pari a quasi due volte l’importo dell’emissione. A fronte di questo ottimo risultato il Gruppo Florian si è riservato la possibilità di riaprire l’emissione nel corso del 2018 per ulteriori 5 milioni di euro per riscontrare le richieste degli investitori.

Il Minibond è stato sottoscritto da una quindicina di investitori: i primi per termini di importo sono Veneto Sviluppo (che ha svolto anche il ruolo di co-arranger dell’operazione), attraverso l’intervento del fondo Veneto Minibond, e Finint Investments Sgr attraverso il comparto territoriale del Fondo Pensione Solidarietà Veneto; la restante parte è stata collocata presso una platea eterogenea di investitori quali fondi specializzati, fondazioni, confidi e banche.

Il Minibond è strutturato con un rendimento fisso annuale pari al 3,8%, una durata di poco più di 6 anni ed una wal (durata media) di 4,8 anni (ha infatti un rimborso amortising a partire dal 2021).

Florian S.p.A., con sede a Riese Pio X (TV), è una società leader nella lavorazione e commercializzazione di semilavorati in legno e in particolar modo delle latifoglie pregiate con un fatturato previsto a fine 2017 di oltre 125 milioni di euro ed un EBITDA di quasi 20 milioni di euro. Il Gruppo vanta una lunga tradizione nel settore dei legnami e nel corso degli anni, attraverso società operative in Italia, Francia, Croazia e Ungheria, è cresciuto sino a divenire il primo gruppo europeo nella lavorazione delle latifoglie.
Lo scorso 13 novembre 2017, Cerved Rating Agency ha attribuito alla società il rating di A3.1.
I proventi dell’emissione serviranno a finanziare le attività del gruppo ed in particolare per effettuare importanti investimenti necessari per l’efficientamento e il completamento degli impianti produttivi, con particolare riguardo al settore pavimento e pellets (per i quali si prevede di aumentare in maniera significativa la scala di produzione).  

“È una grande soddisfazione personale avere raggiunto questo risultato che consolida e riconosce il ruolo di sempre maggiore rilievo che il gruppo Florian riveste, oltre che nel settore della lavorazione e commercializzazione di semilavorati in legno, anche in ambito finanziario. Ritengo che il buon esito del collocamento ed il favorevole riscontro dimostratoci dal mercato, sia solo un primo traguardo che sarà per tutti noi di sprono per il raggiungimento di altri futuri e più ambiziosi progetti di sviluppo aziendale.”


   “L’emissione e la quotazione del Minibond hanno visto in questo caso tempi davvero record – afferma Simone Brugnera, Responsabile Area Minibond di Banca Finint - In poco meno di due mesi è stato infatti eseguito l’intero progetto suscitando l’interesse di  molteplici  investitori professionali.  Un segnale di fiducia che denota, oltre alla bontà del progetto di sviluppo che l’azienda sta perseguendo, la capacità del Gruppo Florian di presentarsi in modo adeguato e credibile sul mercato dei capitali; l’operazione permetterà senz’altro all’azienda di proseguire in questo percorso di crescita”


“I Veneto Minibond dimostrano di essere un modello vincente – ha commentato Fabrizio Spagna Presidente di Veneto Sviluppo – che sempre più rappresenteranno uno degli strumenti più efficaci per permettere alle nostre aziende di reperire capitali per investire, crescere e posizionarsi al meglio nel proprio settore di riferimento. Il sodalizio con il sistema regionale delle BCC sta dando i suoi frutti, considerato che da settembre 2016 questa è già la sesta operazione perfezionata, per un controvalore complessivo di investimento del fondo pari a 6,7 milioni di euro”.